Capitalismo paziente

Alcuni spunti per capire di che cosa si tratta:

il primo è un articolo del 2010 che parla delle idee dell’economista Jacques Attali.

Il secondo sono una serie di video dove il ricercatore Paolo Borioni ci spiega in un seminario che cosa c’è di buono nel Welfare scandinavo e che cosa si dovrebbe fare in Italia

primo secondo terzo quarto

Infine c’è questo interessante video della filantropa e imprenditrice Jacqueline Novogratz che ci mostra come lo sviluppo dei paesi poveri non nasce dal buonismo terzomondista radical chic che molti si portano dietro, ma piuttosto dall’impegno dell’immedesimazione nei panni altrui e dall’umiltà di volere ascoltare in modo attivo gli altri. Commercio e Sociale possono essere uniti così come esperienze miste tra pubblico e privato. Occorre pazienza. Guardate i video, avrete un occhio diverso e opinioni nuove per il futuro.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *