Impressione di settembre

 

Ci sono state diverse polemiche negli ultimi mesi, alcune del tutto pretestuose, altre sicuramente con un fondo di verità.

E’ chiaro che la cultura è il sale del turismo, diciamo di quel turismo che può toccare la nostra zona, che con tutto il rispetto per la riviera romagnola, ma ha ben altro da offrire.

Il problema delle iniziative culturali si è sempre arrovellato sul tema grandi mostre, che personalmente mi ha sempre portato alla memoria la vecchia pubblicità del pennello cinghiale: “per fare una parete grande ci vuole un pennello grande o un grande pennello?”. Il livello della discussione troppo spesso è rimasta su quel livello.

Con il cambio di gestione delle mostre si è voluti passare da una logica puramente “di casetta” a proposte più elaborate per quanto riguardasse il percorso culturale e semantico, in una logica didascalica e di illustrazione di modelli diversi.

La mostra “Oltre Sant’Elia” ha avuto il merito di portare nel ruolo che gli spetta ad uno dei protagonisti della città, anche se la scarsa capacità di comunicazione non ha aiutato l’afflusso di visitatori.

Sappiamo bene che non è il numero di spettatori che fa la qualità: non possiamo paragonare un film di Aki Kaurismaki all’ultimo film ispirato ai supereroi Marvel.

Ma appunto come ha detto Mauro Corona sabato a Parolario, quando una cosa è fatta bene, ma gli manca qualcosa e quel qualcosa è il pubblico, allora qualcosa che non funziona c’è.

Un libro come una esposizione la si fa per raggiungere il più vasto pubblico possibile: cercando di coniugare qualità è opportuno fare quanto possibile per avere una larga partecipazione, perché altrimenti non è facile portare consenso attorno al progetto che si è fatto.

Io credo che occorra un cambio di passo su questo, considerando che la comunicazione è politica (come suole dire Pippo Civati), quindi se ci sono problemi di comunicazione, ci sono dei problemi politici e questi vanno risolti, perché altrimenti anche quanto è stato fatto di buono passa in secondo piano.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *