Tag Archives: ambiente

Alexander Langer, un politico europeo

Alexander Langer, qui ben descritto, scoperto grazie ai libri di Guido Viale per me è stata una bellissima sorpresa. Non pensavo potesse esserci stato nella storia recente uno come lui. Uomo di confine, culturale, geografico e linguistico, ma soprattutto politico. Cattolico convertito, di famiglia borghese con padre ebreo e madre cattolica non praticante. Tedesco di lingua italiana. Di sinistra, ma avanti per quelli che erano i canoni del suo tempo. Già europeista, contro i localismi e il nazionalismo. Uno che voleva la pace tra italiani e tedeschi nonostante fosse sudtirolese di Vipiteno, uno che voleva fare il prete tanto aveva scoperto quanto fosse rivoluzionario il messaggio del cristianesimo, glielo impedirono ed entrò in lotta continua; fondo i Verdi e cercò a sinistra una posizione non marxista di dialogo coi cattolici sui temi dei beni comuni. Uno dei primi a combattere per salvare la foresta amazzonica. Uno di quelli che si schierò per la questione jugoslava contro la guerra interetnica, che  perse amicizie perché chiese l’intervento dell’Europa per porre fine al conflitto. Semplicemente un europeo che cercava di essere un ponte di dialogo.

Noi del e nel PD gli dobbiamo tanto anche se non lo sappiamo o ce ne dimentichiamo.

mayday,mayday oggi è l’earthday

Oggi è la giornata dedicata alla terra, la terra su cui poggiamo i piedi e che gira attorno al sole.
Spesso che ne dimentichiamo, assueafatti dalle nostre vite, dalla routine di tutti i giorni, ma questa terra non sta tanto bene.
La terra ha bisogno di cure, non cure da cavallo, ma periodiche. Bastano dei piccoli gesti per prendersene cura,
cose che possiamo fare senza darci nemmeno troppo peso. Una raccolta differenziata consapevole, dove il comune lo permetta chiaramente,
l’attenzione al verde in tutte le sue forme, oppure al decoro urbano, alle cartacce per strada, che in paese
con un po’ più di senso civico forse sarebbero un po’ di meno.
La giornata della terra è oggi e ricordiamoci che sopra ci siamo noi, non solo gli altri.